Biografia

Virginio Zoccatelli (1969) è compositore, direttore, didatta e conferenziere. Dotato di una solida preparazione culturale e musicale, Zoccatelli interpreta la composizione come attività creativa e artistica volta alla conoscenza del mondo e dell’uomo nella sua globalità (sòma, lògos, psichè), attraverso una miriade di linguaggi votati ad un deciso senso della comunicazione. Il suo catalogo raccoglie attualmente oltre 500 titoli la maggior parte dei quali sono depositati presso la SIAE: numerosi lavori sono inediti ed ineseguiti. Tra le sue opere sono compresi lavori per orchestra sinfonica, per orchestra di fiati, per coro, lavori per solisti e da camera, opere teatrali e balletti fino a comprendere la musica per le colonne sonore, per i documentari e le sonorizzazioni audio-video.

Per il teatro musicale è autore di otto opere tra cui citiamo La Maschera (1992-2013), Il violino Magico (2009), Ecomusical (2008, Premio Abbiati per la Scuola), Le storie di Woodland (2010), Empedocle (2015), Vivantigone (2016, Premio Abbiati per la Scuola). Per la compagnia di danza RBRDanceCompany ha scritto i balletti “Giulietta e Romeo…l’amore continua” (prod 2012-13), e “Indaco” (prod. 2014-15), rappresentati in numerosi teatri italiani.
Ha realizzato per l’Editore TSM le colonne sonore dei documentari Villa Giulia in 9 percorsi (2014), Il tempio dei Giganti (2014), Paestum (2015). Per la RAI ha espressamente pubblicato i Cd “Open dialogues” (2010), “Orchestral movements” (2011), “Jeux et Paysages” (2012), “Landscapes” (2013), “Dai Balcani al Mediterraneo” (2016): le musiche di questi album sono regolarmente utilizzate in trasmissioni televisive di grande successo (Rai, La7) quali: Ballarò, Il tempo e la storia, Porta a porta, La grande storia, Sereno variabile, Linea verde orizzonti, Report, Easy driver, MixItalia, Linea blu, Di Martedì, Artnews per Rai Educational.

E’ vincitore di oltre 20 concorsi nazionali ed internazionali di composizione ed ha inciso oltre 25 Cd audio in veste di compositore, pianista e direttore. Tra le produzioni discografiche in veste di compositore citiamo: “Mediterraneo” (2016),“Piano works anthology” (2011), “La Maschera” (2013), “Giulietta e Romeo, l’amore continua” (2012), “El Jardin de Lindaraja” (2010), “Contemporaneamente” (2006), “Dalla luna all’infinito” (1998), “Soloist and chamber music” (1994).
A 30 anni risulta tra i più giovani autori inseriti nell'”Enciclopedia italiana dei Compositori Contemporanei” edita da Pagano (Napoli, 1999).

Sue musiche sono edite presso diversi editori tra cui citiamo: RAITRADE (Roma), MEP (Roma), GDM (Roma), TAUKAY (Udine), AGENDA (Bologna), SEEMSA/EMEC (Madrid), BAM (Ginevra/Milano); tra le etichette discografiche si aggiungano Naxos (USA), Dynamic, Vermeer, Rainbow, Plaza Major Company (Paris/Hong Kong).

Le sue composizioni, presentate in Italia e all’estero, sono state eseguite da prestigiosi solisti, ensemble, orchestre e direttori.
Tra le orchestra citiamo l’Orchestra Cantelli di Milano, Accademia Secolo XXI, MAV Symphony Orchestra di Budapest, Orchestra giovanile del Teatro Politeama di Palermo, Solisti dell’Orchestra Filarmonica di Lviv (Leopoli) in Ucraina, Nuova Orchestra Alessandro Scarlatti di Napoli, Ensemble di musica contemporanea del Conservatorio di Udine, Orchestra del Conservatorio di Sassari, Orchestra di fiati ANBIMA della Provincia di Pordenone, RWO di Rovereto.

Tra i direttori interpreti delle sue musiche si annoverano C. Ambrosini, V. Parisi, A. Canonici, A. Mannucci, A. Loss.
Ha collaborato in diverse produzioni con artisti di fama internazionale; la soprano F. Burato, C. Gasdia, K Ricciarelli; gli attori G. Lazzarini, P. Pitagora, U. Pagliai, E. Gambino; con i registi P. Valerio, A. Giarola, F. Viviani, T. Turolo.

Dal 2013 collabora come consulente e compositore con il coro Zh2vox, condotto da C. Fedrigo, moderno laboratorio sulle possibilità tecniche ed espressive del coro contemporaneo.

Si è brillantemente diplomato presso i Conservatori italiani in Pianoforte, Strumentazione per Banda e Composizione: si è laureato in DAMS presso la facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Bologna.
Studioso di semiologia pubblica nel 2011 per l’editore Taukay (Ud) il testo “Nuovi lineamenti di retorica e composizione musicale”.

Dal 1996 è Docente presso i Conservatori italiani: dal 2001 è titolare della cattedra di Elementi di Composizione presso il Conservatorio di Udine. Dal novembre 2017 è Direttore del Conservatorio di Udine.

I commenti sono chiusi